SharingFood: un’app contro lo spreco alimentare

Ti è mai capitato di dover partire e avere il frigo ancora stracolmo di verdure? O di aver comprato troppa insalata il giorno prima? Mentre stai gettando via quel buon cibo non puoi fare a meno di sentirti in colpa per quello spreco.

Beatrice Contini, Anita Faelli e Julien Franc, studenti al Liceo Maria Luigia di Parma, hanno voluto reagire a questi sprechi alimentari e si sono impegnati in un progetto per la creazione di un’applicazione che risolva questo problema. La loro idea è stata premiata dal concorso indetto dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca italiano (MIUR) e dall’Ambasciata Svizzera di Italia con il sostegno del Padiglione svizzero.
Il concorso si inserisce in un’iniziativa lanciata dall’ambasciata e dal MIUR, con il sostegno didattico del Liceo Niccolò Machiavelli di Roma, all’interno del più vasto Progetto Scuola creato da Expo Milano 2015 come piattaforma di riflessione e condivisione per le scuole e le università.
Schermate ed icone APP-1L’iniziativa “Italia e Svizzera verso l’Expo 2015: imparare, sviluppare, diffondere” si rivolge alle ragazze e ai ragazzi delle scuole secondarie di secondo grado svizzere e italiane per sensibilizzarli ai temi di Expo. Il progetto vuole spingere i giovani italiani e svizzeri a conoscersi meglio e a collaborare per rispondere alle sfide riguardo l’alimentazione e all’agricoltura.

I contenuti ruotano attorno a tre argomenti fondamentali: spreco ed educazione alimentare, sicurezza alimentare e agricoltura sostenibile e il patrimonio agro-alimentare. Anche il concorso era organizzato in queste stesse macro-aree. Le ragazze e ragazzi dovevano elaborare un’idea per lo sviluppo di un’app per smartphone e tablet che fosse attinente a questi argomenti.
Schermate ed icone APP-5
Una giuria ha selezionato le app più promettenti per ogni categoria, sancendo un vincitore fra i gruppi svizzeri e uno fra quelli italiani. Tra queste la migliore è stata scelta per essere realizzata da un programmatore.
La proposta del gruppo del liceo parmigiano ha dimostrato di rispondere alle tematiche di responsabilità alimentare e sostenibilità, fornendo all’utente un’app intuitiva per diminuire gli sprechi. Il progetto s’inerisce in modo ottimale al Padiglione svizzero che mira favorire il consumo responsabile. SharingFood, com’è stata battezzata l’app, invita gli utenti, i ristoranti o i supermercati a offrire il loro cibo in eccesso a coloro che sono disposti ad andarlo a ritirare.

SharingFood è già disponibile sui sistemi Android e presto sarà inserita anche nell’Apple Store. La prossima volta che ti accorgerai di avere comprato troppe mele o di dover partire con il frigo pieno, prima di aprire il coperchio del contenitore dell’umido, offri quel cibo su SharingFood. Non solo quel cibo non andrà sprecato, ma potrebbe anche aiutare qualcuno.

Potresti essere interessato a